Diete personalizzate

COSA SI INTENDE CON DIETE PERSONALIZZATE?

Le diete saranno sempre in sintonia con le linee guida più aggiornate in modo da rispettare i fabbisogni previsti per quanto riguarda micro e macro nutrienti.
Tuttavia, l’attuazione delle stesse varierà a seconda di condizioni mediche, abitudini, stile di vita, attività sportiva, attività lavorativa, gusti e scelte etiche.
La personalizzazione consente proprio di attuare delle modifiche allo stile alimentare rispettando l’individualità della persona, a differenza di una dieta prestampata o trovata su libri, riviste.
Ogni piano alimentare sarà unico e cucito su misura per la persona ma non per questo immutabile: tutto è in divenire e così è l’alimentazione: ad ogni incontro è possibile “sistemare il vestito”

DIETA PER? 

  • Prevenzione patologie, in particolare le patologie cardiovascolari, mediante una alimentazione equilibrata
  • Migliorare lo stato di salute generale (sistema immunitario in primis)
  • Perdere peso, o meglio, dimagrire: perdere massa grassa
  • Scongiurare carenze in alimentazione vegana
  • Migliorare la composizione corporea: diminuire massa grassa ed aumentare la massa magra (necessita l’abbinamento con un programma di allenamento)
  • Aumentare la muscolatura in combinazione con apposito programma di allenamento
  • Alimentazione in presenza di allergie ed intolleranze, tra cui la celiachia 
  • DIETOTERAPIA

    Previa prescrizione/diagnosi medica, dieta personalizzata in presenza di:
    Alterata glicemia a digiuno; Insulino Resistenza; Diabete – Dislipidemie: colesterolo alto, trigliceridi alti – Ipertensione – Insufficienza renale e calcolosi renale – Iperuricemia e gotta – Reflusso gastroesofageo, gastrite, difficoltà nella digestione – Diarrea, stipsi, sindrome del colon irritabile, diverticolite, diverticolosi –  Calcolosi colecisti, dieta per colecistectomia – Pancreatite – Steatosi epatica – Disfagia e problemi di masticazione

    COME FUNZIONA?

    PRIMA VISITA

    1. Il primo incontro è di tipo conoscitivo ed è incentrato sull’obiettivo che si vuole raggiungere. Inoltre viene valutato lo stato nutrizionale per definire il punto di partenza.
    2. Nel secondo incontro, a distanza di circa una settimana, viene consegnato e spiegato nei dettagli il piano alimentare, elaborato a seguito dell’incontro precedente.

    CONTROLLI

    3. Il primo controllo è il più ravvicinato per verificare che la dieta sia chiara e per correggere eventuali problematiche.
    4. Gli incontri a seguire vengono stabiliti volta per volta insieme