Detox & company: perché non piacciono a noi Dietisti

Rarissimo che una dieta pubblicizzata su una rivista (come la detox) venga vista di buon occhio da parte nostra. Ma come mai?
Abbiamo paura che ci rubino il lavoro? ma no
Siamo così antipatici? forse 😀 ma non è questo il punto.
La realtà è che sono molto ingannevoli e, soprattutto, creano aspettative irrealistiche.

Dopo le feste è un gran classico.
Hai seguito la dieta di Belen Rodriguez dove mangiavi solo yogurt magro ed ananas a forma di farfallina per tre giorni? Hai perso 3 kg? Fantastico..di quei tre chili meno di un decimo è grasso, il resto è ACQUA.
Ecco dove sta l’inganno! il calo di peso c’è, ma non è “reale”.
Viene sfruttato il fatto che tutti noi utilizziamo come giudice la bilancia, quando in realtà è un indicatore grossolano. Se tra due misurazioni a distanza di 10 minuti beviamo due bicchieri d’acqua la bilancia ci dirà che pesiamo mezzo chilo in più; ovviamente non siamo ingrassati in dieci minuti.

Attenzione, non c’è nulla di male nella decisione di mangiare molto poco per alcuni giorni: se ben strutturato, ha un senso dal punto di vista metabolico.
Deve essere ben chiaro, però, che non è così che si dimagrisce.
Purtroppo non è fisiologicamente possibile perdere grasso così rapidamente: il dimagrimento, quello effettivo, è un processo lento e graduale fatto di piccole vittorie quotidiane che si susseguono nel tempo.
A livello evolutivo il grasso ci ha permesso di sopravvivere ai periodi di carestia; figuriamoci se il nostro corpo ci consente di bruciarne un chilo al giorno!

Ecco perché queste “diete miracolose” non piacciono a noi Dietisti: siamo quelli a cui tocca dire che babbo natale non esiste!

Ho inserito nel titolo la parola “Detox” perchè quella più frequentemente utilizzata dalle riviste per le “diete lampo”.
Utilizzata frequentemente…a sproposito! A detossificare ci pensa il fegato, per fortuna 🙂